20201009_IL_QBC_IMPRENDITORE_INNOVATORE

LE SETTE REGOLE D’ORO PER AGIRE DA IMPRENDITORI-INNOVATORI.

L’imprenditore-innovatore è l’imprenditore che vive serenamente il suo presente perché sa che, innovando costantemente la sua attività, non smetterà mai di fatturare.

Ma che cosa vuol dire essere un imprenditore-innovatore?

Essere un imprenditore-innovatore vuol dire essere un imprenditore con una “mentalità di crescita” anziché con una “mentalità fissa”.

Un esempio calzante è quello del boscaiolo che, dovendo fare legna, non trova mai il tempo di fermarsi per affilare la lama dell’ascia pensando che, il tempo utilizzato per rendere più tagliente il suo utensile, sia solo tempo perso (mentalità fissa o “IN THE BUSINESS”).

In realtà, il tempo dedicato a ottimizzare il suo strumento, è tempo utilissimo perché porterebbe a uguali risultati ma con minor sforzo o, addirittura e ancora meglio, a risultati superiori (mentalità di crescita o “ON THE BUSINESS”).

Per poter essere un imprenditore-innovatore serve quindi ampliare la propria visione aziendale.

Passare da essere “IN” a essere “ON the business”.

Trasformare la propria mentalità da “fissa” e concentrata solo sul FARE, a una mentalità “di crescita” e focalizzata sia su presente che su futuro, per sviluppare un’attività sana, robusta e sempre attiva.

E poi?

Le fasi successive saranno le seguenti:

  1. Fissare gli obbiettivi a breve, medio e lungo termine per sviluppare il proprio business;
  2. Separare il patrimonio aziendale da quello privato;
  3. Proteggere se stessi in quanto produttore di ricchezza;
  4. Tutelare il patrimonio privato da eventi imprevisti;
  5. Difendere il patrimonio privato da attacchi esterni;
  6. Pianificare la fase di trasferimento del proprio patrimonio.

Sette semplici ma importanti regole per poter vivere serenamente il presente in vista di un futuro migliore.

Volete iniziare la vostra trasformazione in imprenditori-innovatori?

CONTATTATECI SUBITO!

Il primo check up della vostra situazione finanziare è completamente gratuito.

 

 

Autore articolo: Fabio Buoncompagni.