L'EQUITY CROWDFUNDING (ECF) COME STRUMENTO PER RAFFORZARE IL PATRIMONIO AZIENDALE

Con la chiusura del bilancio 2020 le aziende avranno un 2021 difficile da gestire dal punto di vista del rating, con fatturati molto probabilmente in calo, con la conseguenza di vedersi un peggioramento del rating da parte degli istituti di credito e quindi un aumento dei tassi d’interesse sulle linee di smobilizzo credito e di cassa.

Una modalità per rafforzarsi patrimonialmente e avere liquidità in cassa è sicuramente quella di ampliare la compagine social tramite un aumento di capitale sociale con sovraprezzo, senza dare diritto di voto in assemblea ai soci che entrano tramite ecf.
Gli aumenti di capitale con sovraprezzo possono essere effettuati sia con la compagine attuale per non andare a modificare i pesi della compagine sociale, sia andando su piattaforme di ecf vigilate dalla consob, in modo da far conoscere la propria azienda a migliaia di investitori sia per ricevere capitali da persone terze.

Per le persone fisiche l’agevolazione consiste in una detrazione IRPEF del 50% della somma investita fino ad un massimo investito pari a 100.000,00 euro. Oltre a questa soglia, la detrazione dall’IRPEF è pari al 30% della somma investita, fino ad un massimo di 1 milione di euro.

L’agevolazione fiscale del 50% entra in vigore il 19 maggio 2020 e non è retroattiva, pertanto è valida per le sottoscrizioni effettuate dopo il 19 maggio 2020.

Per le persone giuridiche l’agevolazione consiste nella deduzione dall’imponibile IRES del 30% della somma investita fino ad un massimo annuo di 1,8 milioni di euro.

Nel caso in cui, in seguito all’applicazione della detrazione all’imposta lorda, si verifichi un’eccedenza rispetto alla somma detraibile, questa potrà essere riportata in avanti, fino al terzo anno d’imposta successivo.

Per usufruire del beneficio fiscale l’investimento deve necessariamente essere mantenuto per 3 anni, per evitare di incorrere nella decadenza delle agevolazioni.

I benefici fiscali maturano in occasione della prima dichiarazione dei redditi successiva all’investimento. Ad esempio se si è effettuato un investimento nel 2019 in una startup innovativa, il vantaggio fiscale avverrà in occasione della dichiarazione dei redditi dell’anno 2020 relativa ai redditi maturati nell’anno 2019.

Vuoi capire come fare un aumento di capitale o come preparare una campagna di ecf?

NON ESITARE E CONTATTACI SUBITO!